Quanto è importante la famiglia come target pubblicitario?

Target pubblicitario: che cos’è?

Quante aziende lavorano grazie al marketing? Oggi, la maggior parte delle aziende sono sopravvissute proprio perché è nato il marketing. La pubblicità si è sempre imposta, fin dai tempi non sospetti.

La pubblicità, intesa come vendita di prodotto, è ovunque. Non è solo in televisione, ma sui giornali, sui Social Media, sui cibi che compriamo e persino per strada. Un tempo era il passaparola a determinare il successo di un prodotto.

Tuttavia, non dobbiamo nemmeno sottovalutare un lavoro, ovvero quello degli Influencer, nati grazie ai Social Media. Gli Influencer decidono un target pubblicitario e vendono in base a quest’ultimo. Anche le aziende si muovono in questo modo.

Dunque, a monte della pubblicità, c’è un lavoro certosino da approfondire, ovvero il target pubblicitario. La definizione di target ce la suggerisce la parola stessa: la pubblicità è creata ad hoc per un determinato tipo di pubblico, un target, letteralmente un “bersaglio”.

Qual è il pubblico più importante? L’abbiamo chiesto all’agenzia di comunicazione di Milano Smart Eventi e la risposta è stata una: “la famiglia. E lo è sempre stata.”

L’importanza della famiglia nel target pubblicitario

In media, è la famiglia il pubblico più rilevante in televisione. Sui Social Media, invece, lo sono i giovani, dove infatti il lavoro di Influencer a maggiore rilievo e importanza. Tuttavia, prendiamo a esempio YouTube, la nota piattaforma di video, per farvi comprendere a fondo l’importanza del target pubblicitario rivolto alla famiglia.

Su YouTube, le pubblicità sono rivolte principalmente a un pubblico familiare. Giocattoli, cibo, vestiti per bambini. Un algoritmo studia le nostre abitudini. Tramite l’algoritmo, le aziende realizzano le pubblicità in base al target. E l’importanza della famiglia nel target pubblicitario è forse la più importante, perché è grazie alle famiglie se le aziende ricaveranno determinati profitti.

Con la pubblicità, spesso, non si compra solo un prodotto, ma ciò che quel prodotto ha suggerito alla persona. È un ragionamento contorto? Probabilmente sì, ma rispetto al passato le pubblicità sono diventate più intelligenti.

Se ci avete fatto caso, oggi è una questione di status. Non si compra un determinato cibo perché è buono, ma perché comunica di essere alla moda, indispensabile. Il target pubblicitario a stampo famiglia sta ancora dominando il mercato.